BENESSERE

Ayurveda: la millenaria medicina indiana

A quelli che mi chiedono “E ora cosa fai nella vita?” – per quanto tenti di dare loro una bencheminima “risposta convenzionale” – gli si stampa quasi sempre in faccia un grande punto interrogativo, che faccio fatica a tirar via… Più o meno va così:

Di che ti occupi?” –  “Studio la Pratica dello Yoga e faccio Trattamenti Ayurvedici“.

Wau, forte…(poi una pausa)… Scusa ma cosa sono i Trattamenti Ayurvedici?” –Una forma di prevenzione e di promozione del benessere, promossa dall’Ayurveda, la medicina millenaria indiana”.

Ah, capito...(poi una pausa)…E che cos’è l’Ayurveda?” – “Bella domanda!”

Eccomi qui, oggi, “facciolaseria” e tento di dare una risposta un pò più compiuta 🙂

Buona lettura! Aspetto domande, curiosità, commenti.

……………………….

Che cos’è L’Ayurveda?

L’Ayurveda – “Conoscenza della vita” – dal sanscrito “Ayu” (vita) e “Veda” (conoscenza) è un sistema di medicina preventiva nato in India intorno al 3.000 a.C. da cui hanno avuto origine discipline ormai note anche nel mondo occidentale, quali: lo Yoga, la Meditazione e l’Abyangam. Tutte pratiche olistiche il cui scopo ultimo consiste nel promuovere il benessere psicofisico dell’individuo, andando a lavorare su più livelli.

Un sapere millenario, quello dell’Ayurveda, che ci consente, infatti, di entrare in connessione con ogni aspetto di noi: mente, corpo e anima.

All’interno di questa visione olistica della natura umana, l’Abyangam – letteralmente “Applicazioni di oli in tutte le parti del corpo” – dal sanscrito “Abhi” (tutte le direzioni) e “Angam” (parti del corpo), più noto come Massaggio Ayurvedico è considerato dalla Medicina Ayurvedica il trattamento d’eccellenza nella prevenzione e nel ripristino dell’equilibrio psicofisico di un individuo.

Attraverso una serie di tecniche specifiche si va a massaggiare il corpo con oli caldi che agiscono in profondità riportando in equilibrio i tre Dosha:

Vatha, Pitta e Kapha.

Cosa sono i Dosha?

I Dosha – secondo la medicina ayurvedica – sono le principali forze energetiche che governano il nostro organismo, garantendone lo stato di salute e/o di malessere.

VATA è il flusso: si riferisce al movimento e svolge la specifica funzione di controllo del sistema nervoso, della circolazione, della respirazione e dell’eliminazione. Essendo i suoi elementi l’Aria e l’Etere, esso determina un carattere instabile, velocemente trasformabile e leggero nel movimento.

PITA è l’energia: ha come elemento il Fuoco e governa quei processi fisici e chimici che liberano energia (il metabolismo cellulare e la digestione). Si riferisce al principio della trasformazione e se in eccesso provoca troppo calore nel corpo (infiammazioni).

KAPHA è la struttura: è ciò che mantiene uniti Vata e Pita; la sua azione specifica è responsabile della crescita e della resistenza dell’organismo (agisce sul sistema immunitario). I suoi elementi sono l’Acqua e la Terra, grazie ai quali mantiene il corpo saldo e influisce sull’emotività di una persona.

Ognuno di noi nasce, cresce e muore con un particolare bilanciamento di queste tre forze, ossia con una specifica Prakuti o costituzione psico-fisica. Rispettare la propria unicità significa, dalla prospettiva ayurvedica, riconoscere la propria Prakuti e proteggerla attraverso il proprio stile di vita.

A cosa serve l’Abyangam?

Scopo dell’Abyangam, più comunemente noto come “Massaggio Ayurvedico” è proprio quello di riportare in equilibrio le tre energie vitali Vita, Pitta e Kapha: andando a rafforzare quelle che al momento del trattamento sono in difetto e, nello stesso tempo, andando a limitare quelle che, invece, sono in eccesso.

Acquisire consapevolezza di quale dei tre Dosha ha maggiore influenza sul nostro equilibrio è una straordinaria scoperta che il trattamento Abyangam può restituirci.

Imparare ad ascoltare il nostro corpo per riconoscere quali sono gli elementi esterni che possono giovarci o destabilizzaci è un passo fondamentale per poter lavorare quotidianamente sul nostro benessere totale.

Come avviene questo lavoro di re-equilibrio e pacificazione dei tre Dosha?

Attraverso un’osservazione approfondita della persona, della sua costituzione e della sua condizione psicofisica al momento della terapia, lOperatore Abyangam riconosce la tecnica più adatta da mettere in atto e va a stimolare, calmare o attivare i tre Dosha.

  • La tecnica Anti-Vata è un massaggio “pesante”, stabilizzante, antidolorifico e riscaldante. E’ particolarmente indicato in caso di disturbi dell’apparato nervoso, scheletrico e nei casi di insonnia.
  • La tecnica Anti-Pita è un massaggio “dolce”, calmante e rinfrescante. E’ particolarmente indicato in caso di disturbi dell’apparato digestivo, della pelle e dell’irritabilità emotiva.
  • La tecnica Anti-Kapha è un massaggio “dinamico”, dimagrante e drenante. E’ particolarmente indicato in caso di apatia, sovrappeso o depressione.

La durata del singolo trattamento varia a seconda delle necessità (dai 30 ai 90 minuti).

Quali benefici apporta un Massaggio Ayurvedico?

Ecco un elenco dei principali benefici di cui possiamo godere dopo un trattamento Abyangam:

  • Benefici fisici: distensione dei nervi, tonificazione dei muscoli, flessibilità nelle articolazioni, alleviamento dolori scheletrici e reumatici, purificazione dalle tossine.
  • Benefici fisiologici: stimola i punti Varma (punti energetici) ed i sette Chakra (le principali centraline energetiche del nostro organismo), andando ad agire di riflesso sugli organi interni corrispondenti. Questo lavoro di riflessologia apporta molteplici effetti positivi sul sistema nervoso centrale e periferico, sull’apparato digestivo, circolatorio, respiratorio ed escretorio.
  • Benefici psicologici: un senso profondo di contentezza, calma e chiarezza mentale. Attraverso un lavoro sottile sui blocchi emozionali che il corpo memorizza, i trattamenti Abyangam, se eseguiti ciclicamente, possono nel lungo termine agire positivamente su sintomi quali: depressione, ansia, insonnia e stress.

I miei studi in Ayurveda e dove pratico oggi

Nel lontano 2002, durante gli studi universitari in Psicologia, ho deciso di approfondire la visione olistica della natura umana, frequentando per un anno l’International College of Yoga Ayurveda del maestro Swami Joythimayananda nel cuore di Genova.

Lì mi sono specializzata come Operatore Olistico, conseguendo nel 2003 il diploma in Massaggio Ayurvedico Abyangam.

Nel 2014 ho affiancato il maestro per un mese in un viaggio in Sri Lanka dove abbiamo lavorato intensamente per quattro settimane sui principali precetti Ayurvedici: Hatha Yoga, Massaggio Abyangam, Meditazione e Alimentazione Ayurvedica.

Oggi svolgo trattamenti ayurvedici personalizzati a domicilio.

A Roma mi trovate (su prenotazione) anche presso  YogAyur  sia nella sede del Gazometro (dove c’è anche un favoloso bagno turco ed uno squisito bistrot vegetariano) che in quella di Cavor, nel giovanile e affascinante quartiere Monti.

Per info e prenotazioni scrivetemi a info@sostenibileperme.it

Namastè!

 

 

Condividi
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

2 Comments

  • Francesco

    Curativo e allo stesso tempo rilassante, durante il massaggio si percepisce la capacità e l’esperienza. Le dico sempre che ha 2 mani magiche.

    • admin

      Grazie Francesco! Tu sei stato una di quelle persone che da anni mi diceva “Perchè non fai questo nella vita?!”
      La tua fiducia mi ha sempre spronato a proseguire in questa pratica. Grazie di cuore.
      Un abbraccio,
      Ale

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *