BENESSERE,  IL BLOG

L’Automassaggio secondo l’Ayurveda: è tempo di riprendersi – con mano – il proprio tempo

L’Automassaggio secondo l’Ayurveda: è tempo di riprendersi – con mano – il proprio tempo

Ci laviamo i denti, affettiamo il pane, giriamo lo sterzo dell’auto… Ma quando si tratta del proprio corpo, preferiamo quasi sempre affidarci alle mani di un esperto nel prendercene cura…Perché?

Un pò per tabù culturale, un pò per pigrizia, un pò per mancanza reale di conoscenze, tralasciamo le innumerevoli occasioni di contatto tra il mentale ed il fisico che un semplice tocco delle nostre mani può restituirci.

Ognuno di noi ha un potere tra le mani e spesso non ne è a conoscenza. Proviamo a scoprire insieme quante cose possiamo fare per stare bene, a partire da semplici gesti quotidiani. Replicabili quando vogliamo, al risveglio, alla scrivania, sul divano. Domenica 31 gennaio vi accompagnerò alla scoperta dell’automassaggio (online su zoom!).

Ma partiamo per gradi. A quale tecnica mi riferisco? Quella dell’Abyangam, proposta dall’Ayurveda.

Il termine Abyangam significa letteralmente “applicazione di oli in tutte le parti del corpo” – da abhi = tutte le direzioni e angam= parti del corpo.

Più noto come massaggio ayurvedico, l’Abyagam è una tecnica complessa e assai diversificata, che, attraverso il lavoro con gli oli va ad agire in profondità, stimolando le nostre energie vitali – in Ayurveda dette Dosha.

Si tratta di quelle energie che secondo la tradizione Ayurvedica governano il nostro equilibrio psicofisico, quali: Vata (Etere e Aria) – Pita (Fuoco e Acqua) e Kapha (Terra e Acqua).

Ognuno di noi al momento della nascita riceve in “dotazione” una particolare combinazione di questi tre fattori, ma nel corso della vita tutte e tre le energie ci guideranno e ci accompagneranno, influenzando lo stato generale della nostra salute.

Yoga, Massaggi, alimentazione ed un “sano” stile di vita possono contribuire ad un loro efficace equilibrio.

Obiettivo del massaggio ayurvedico è andare a bilanciare i Tri-Dosha– ripristinando uno stato di benessere completo.

Come nello Yoga, anche nell’Ayurveda si vuole andare ad unire, riappacificare, far parlare quelle parti di noi che spesso teniamo separate, distaccate, chiuse.

L’Abyangam nasce come cura preventiva, per rafforzare lo stato di salute del corpo e prevenire malanni (è particolarmente suggerita nei cambi di stagione o durante il periodo invernale).

Consiste di un insieme di tecniche, manipolazioni ed oli differenti che agiscono sul singolo individuo in maniera diversificata a seconda dello stato di necessità, della costituzione e del risultato che vogliamo raggiungere.

Alcune pratiche saranno stimolanti ed energizzanti, altre calmanti e rilassanti; alcune andranno a portare calore, altre andranno a rinfrescare; alcune andranno ad agire sul sistema nervoso centrale, altre su quello periferico; alcune andranno ad attivare la circolazione sanguigna, altre si concentreranno più su quella linfatica (e potrei continuare ancora a lungo).

Complessivamente i benefici riscontrabili sono molteplici e si manifestano sia a livello fisico che mentale.

Dopo un trattamento Abyangam la mente è più lucida, il corpo è più tonico ed una sensazione di armonia pervade tutta la nostra persona per giorni.

Rivolgersi ad un terapeuta esperto non sempre tuttavia è fattibile, almeno non con una frequenza quotidiana…

Come fare dunque? Ancora una volta l’Ayurveda, l’antica medicina indiana da cui trae origine l’Abyangam, ci viene in soccorso, trasmettendoci la pratica dell’automassaggio quotidiano.

Una serie preziosa di suggerimenti che possiamo fare nostri e replicare a piacimento, ogni qualvolta sentiamo di volerci prendere cura di noi e della nostra meravigliosa “macchina del tempo”, il corpo.

Una buona pratica “pro-salute”, quella dell’automassaggio, che vi sorprenderà sin dai primi minuti.

Una sequenza semplice fatta di manipolazioni “a portata di mano”, praticabile ovunque e a costi ridottissimi (bastano poche gocce di olio e ne sentirete subito gli effetti benefici).

Oggi più che mai le occasioni per rimanere a casa diventano sempre più numerose, allora, perché non approfittarne e dedicarsi ad una “pausa energizzante” tutta per noi?

Bastano pochi minuti al giorno e i benefici non tardano a farsi sentire. Provare per credere.

Praticare l‘automassaggio è una buona abitudine per conoscere noi stessi.

Si può eseguire la mattina al risveglio, alla sera prima di andare a dormire o quando riuscite a ritagliarvi del tempo.

Vi aspetto online domenica 31 gennaio alle 10.00 sulla piattaforma Zoom per impararlo e praticarlo insieme!

Andremo a lavorare su piedi, gambe, pancia, braccia, mani, testa, viso, torace, spalle e schiena impiegando olio di sesamo o di mandorle.

Il workshop inizia alle 10.00 e termina alle 12.00.

La prima ora verrà dedicata all’automassaggio, successivamente praticheremo una sequenza di asana studiate per bilanciare i TriDosha  in questa particolare fase dell’anno (pratica condotta dalla mitica Bhanavi Yoga Barbara Baldaccini) infine ci saluteremo con una piccola meditazione di raccoglimento per assaporare le energie liberate e custodirle con noi lungo questo 2021 appena cominciato…

Per info su come ricevere i codici Zoom scrivimi ad info@sostenibileperme.it

Cosa aspetti?

E’ tempo di riprendersi – con mano – il proprio tempo.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Condividi
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *