IL BLOG

“Mollare tutto”- online la prima intervista ricevuta!

27 maggio 2018 – Ostuni, Brindisi

“Mollare tutto”- online la prima intervista ricevuta!

Ad inizio Maggio sono stata contattata da Selene Cassetta blogger, anche lei appassionata di sostenibilità, intesa come consapevolezza che su questa terra siamo tutti interconnessi e le nostre scelte fanno la felicità nostra e altrui. E’ stata una chiacchierata bellissima. Qui vi trascrivo il post che istintivamente pubblicai sulla mia pagina Facebook quando risposi alle sue domande (ero in Sicilia a Bosco Falconeria un posto magico e questo è lo scatto fatto precisamente in quel momento!).

“…Strana la vita. Qualche giorno fa ho ricevuto una telefonata da una blogger, anche lei sensibile al tema della sostenibilità ambientale ed individuale, mi ha contattata per farmi un’intervista e raccontare di questa esperienza. Come faccio a descrivere a parole tutto questo? Tutto quello che mi sta arrivando da quando ho aperto la porta di casa e sono uscita a fare due passi per il mondo?!” scrivevo.

Vi riporto le parole del Blog di Selene, che condivido al 100% e che sto sperimentando sulla pelle in questi mesi in giro per l’Italia:  “Sostenibile inteso come un nuovo modo di vivere la vita, che fa tesoro di quello che sta attorno senza un’estenuante corsa verso ‘il di più’, che gode degli attimi e delle buone relazioni umane. Sostenibile come percorso di ricerca di un benessere profondo, immerso nel presente e nell’esaltazione della nostra personale ricchezza interiore che si riflette nel dare valore ad ogni cosa“.

Oggi dopo qualche settimana ed un altra tappa aggiunta al mio viaggio (dalla Sicilia sono risalita in Puglia), mi scrive nuovamente  lei, dicendomi che l’articolo è pronto e lo manda online!

Brividi lungo la schiena. Sembrerà banale, ma onestamente mi sono emozionata allora come oggi: una perfetta sconosciuta ti chiama e dice, sai ho scoperto il tuo blog, abbiamo un sacco di cose in comune, stai facendo un viaggio bellissimo, ti va di rilasciami un’intervista?

E sono emozionata oggi nel leggere le mie parole chiare e tonde – rivedo tutto il senso che per me ha questo momento di profondo cambiamento che sta attraversando la mia vita.

Perchè non si tratta di una vacanza alternativa o di un periodo sabatico, io sto sbattendo la testa e i nervi per capire come e dove voglio vivere questo “unico giro di giostra” che è la vita.

Rileggere quest’intervista mi ha risintonizzato sull’onda giusta, ecco.

Cambiare a ritmi di due/tre settimana casa, entrare in relazione con persone sconosciute, modulare il proprio tempo ed i propri modi di fare sul contesto specifico/culturale in cui fiondi dalla sera alla mattina, vi assicuro che non è un’esperienza sempre “arricchente” ed “entusiasmante” come molti immaginano. Ci sono giorni in cui senti che le tue energie vengono meno e rischi di dimenticare il senso del viaggio.

Insomma, la pubblicazione di quest’intervista arriva in una di quelle giornate “un pò così”, in cui hai proprio bisogno di…Come dire?! Di sentirti amata, ecco, potrei usare altri mille giri di parole, meno forti forse, come “sostenuta, capita, confortata”, ma alla fine il nocciolo è quello.
“Non c’è un io, senza un tu” diceva qualcuno (Martin Buber) tra i mille studi fatti. E’ proprio vero. Senza l’incontro con l’altro, non incontri te stesso. Questo è il viaggione.
Mollare tutto” come scrive Selene di Viaggio Sostenibile non è una passeggiata.

Ogni scelta comporta una rinuncia ed un’infinita dose di tenacia, più che di coraggio.

E comunque non è proprio tutto -tutto che voglio mollare, attenzione,  le cose belle – le relazioni che contano – quelle non le mollo per nulla al mondo, me le tengo strette strette, anzi! Senza squadre forti, non si combatte nessuna battaglia!

Ah, quasi dimenticavo, ecco il link per leggere la mia prima intervista  …

Ciao belli! Grazie di cuore Selene!

Live! Mentre scrivo questo post..In una calda domenica di Maggio. Ostuni, Brindisi.
Condividi
  •  
  • 5
  •  
  •  
  •  

One Comment

  • Sandro

    Un intervista per “incontrarsi brevemente” , per fare il punto con se stessi e con la realtà esterna.
    Ho apprezzato la chiarezza e la sincerità, quasi da monologo interiore,che lasciano intravedere i passi fatti verso la consapevolezza.
    Ti seguo e ti seguirò , grazie per la speranza che ci stai regalando.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *